Questo è un Forum politicamente schierato nelle Radici Cristiane e nella Destra Radicale Italiana.
 
IndiceIndice  PortalePortale  CalendarioCalendario  GalleriaGalleria  FAQFAQ  CercaCerca  RegistratiRegistrati  Lista UtentiLista Utenti  GruppiGruppi  Accedi  

Condividi | 
 

 ANCORA PUTIN...

Andare in basso 
AutoreMessaggio
FORZANOVISTA
Duce
Duce
avatar

Numero di messaggi : 528
Localizzazione : Salento
Umore : NERO
Data d'iscrizione : 04.11.07

MessaggioTitolo: ANCORA PUTIN...   Mer Nov 07, 2007 7:34 pm

Russia/ Sospeso il trattato sulle armi convenzionali. La Duma, all'unanimità, si schiera con zar Putin

Mercoledí 07.11.2007 13:00

La Duma ha approvato all'unanimità una legge che sospende l'adesione della Russia al Trattato Cfe sulla riduzione delle forze convenzionali in Europa, pietra angolare della sicurezza nel Vecchio Continente.

La Camera bassa russa ha ratificato la decisione adottata il 14 luglio dal presidente Vladimir Putin, che aveva firmato un decreto per congelare il trattato. La moratoria entrerà in vigore il 13 dicembre e spetterà al capo del Cremlino decidere su un eventuale ritorno nel trattato.

Putin aveva annunciato l'intenzione di sospendere l'adesione al Cfe ad aprile, come risposta allo scudo antimissile che gli Usa vogliono realizzare in Europa e che Mosca vede come una minaccia alla propria sicurezza. La Russia lamenta il fatto che il trattato non è stato ratificato dai Paesi Nato.

Nel presentare il provvedimento alla Duma, il capo di Stato maggiore delle forze armate russe, generale Yuri Baluyevski, ha affermato che "la fine del Cfe, se dovesse verificarsi, non sarbbe una perdita irreparabile per lo Stato russo ma per i Paesi europei sarebbe una perdita di notevole ampiezza".

Il trattato Cfe per la riduzione degli armamenti convenzionali (carri armati, artiglieria, mezzi blindati, aerei da combattimento ed elicotteri d'attacco) in Europa fu firmato il 19 novembre 1990 a Parigi dai Paesi della Nato e dall'allora Patto di Varsavia e ha avuto diverse revisioni.

_________________
Scendiamo in campo contro le Democrazie Plutocratiche e Reazionarie dell' Occidente.
Torna in alto Andare in basso
Visualizza il profilo http://www.forzanuovalecce.org
FORZANOVISTA
Duce
Duce
avatar

Numero di messaggi : 528
Localizzazione : Salento
Umore : NERO
Data d'iscrizione : 04.11.07

MessaggioTitolo: Re: ANCORA PUTIN...   Mer Nov 07, 2007 7:35 pm

Ancora una volta Putin dimostra il fatto di non voler dipendere da nessuno... Fa bene.
Italia schiava di Ebrei e di USA.

_________________
Scendiamo in campo contro le Democrazie Plutocratiche e Reazionarie dell' Occidente.
Torna in alto Andare in basso
Visualizza il profilo http://www.forzanuovalecce.org
wolfsangel
Figli del Forum
Figli del Forum
avatar

Numero di messaggi : 249
Localizzazione : Europa
Umore : Sempre agguerrito.
Data d'iscrizione : 08.11.07

MessaggioTitolo: Re: ANCORA PUTIN...   Dom Nov 11, 2007 12:20 am

Confermo assolutamente che ammiro tutti i Popoli che si dissociano dalle forze di potere USraelite. Fanno i loro interessi e fanno bene.

Purtuttavia escludo categoricamente che l'Europa, che gli Europei, insistano nel tentativo di farsi "liberare" da altri.
Abbiamo visto e stiamo ancora (e per molto subiremo ancora) subendo gli effetti dei "liberatori".

Il Popolo Europeo, o se preferite, i Popoli Europei, devono trovare nella Forza delle proprie Tradizioni, nella consapevolezza di Appartenere, di Essere, la via per resuscitare l'istinto di consrvazione, lo Spirito leganteci che ci permetta di riattuare i Nostri stili di vita, il modello Europeo.
Il benessere di un Popolo, non deve essere inteso solo un benessere materiale, bensì e soprattutto un benessee spirituale, uno stare in pace con se' stessi ed il proprio Popolo, la propria etnia, la propria razza.
ciò non intende essere un discorso discriminatorio: semplicemente il discorso di uno che non ci stà a non essere padrone a casa propria. A non essere padrone di mettere un cazzo di Crocifisso in un'aula scolastica, ovvero un'immagine di Wotan, Zeus o Giove, solo perchè il palazzo accanto è dotato di minareto o perchè il Cristo ricorda a talune "genti" di essere deicida.

Noi siamo Europei. Indoeuropei. Ma siamo anche Indoeuropei Occidentali. I nostri sovrani si sono per secoli imparentati tra loro: Tedeschi con Italiani, Italiani con Austriaci, Austriaci con Francesi, Francesi con Spagnoli, Spagnoli con Svedesi, Svedesi con Svedesi, Svedesi con Tedeschi....

Mai con Russi, Polacchi, Slavi, Arabi...ma ci sarà un cazzo di motivo, o no?

Ammiriamo pure putin; ammiriamo pure saddam Hussein; ammiriamo pure Ahmadinejad...ammiriamoli....ma per piacere...tra l'ammirarli ed auspicare un "liberazione" da parte loro, oltre che essere utopico (per fortuna) è anche molto, ma molto ingenuo.

ricordiamoci dell'ultima volta che siamo stati "liberati", per piacere!
Torna in alto Andare in basso
Visualizza il profilo
Bucca89
Collaboratori del Duce
Collaboratori del Duce
avatar

Numero di messaggi : 106
Età : 29
Localizzazione : Lecce
Umore : Nero
Data d'iscrizione : 04.11.07

MessaggioTitolo: Re: ANCORA PUTIN...   Dom Nov 11, 2007 2:28 pm

wolfsangel ha scritto:
Confermo assolutamente che ammiro tutti i Popoli che si dissociano dalle forze di potere USraelite. Fanno i loro interessi e fanno bene.

Purtuttavia escludo categoricamente che l'Europa, che gli Europei, insistano nel tentativo di farsi "liberare" da altri.
Abbiamo visto e stiamo ancora (e per molto subiremo ancora) subendo gli effetti dei "liberatori".

Il Popolo Europeo, o se preferite, i Popoli Europei, devono trovare nella Forza delle proprie Tradizioni, nella consapevolezza di Appartenere, di Essere, la via per resuscitare l'istinto di consrvazione, lo Spirito leganteci che ci permetta di riattuare i Nostri stili di vita, il modello Europeo.
Il benessere di un Popolo, non deve essere inteso solo un benessere materiale, bensì e soprattutto un benessee spirituale, uno stare in pace con se' stessi ed il proprio Popolo, la propria etnia, la propria razza.
ciò non intende essere un discorso discriminatorio: semplicemente il discorso di uno che non ci stà a non essere padrone a casa propria. A non essere padrone di mettere un cazzo di Crocifisso in un'aula scolastica, ovvero un'immagine di Wotan, Zeus o Giove, solo perchè il palazzo accanto è dotato di minareto o perchè il Cristo ricorda a talune "genti" di essere deicida.

Noi siamo Europei. Indoeuropei. Ma siamo anche Indoeuropei Occidentali. I nostri sovrani si sono per secoli imparentati tra loro: Tedeschi con Italiani, Italiani con Austriaci, Austriaci con Francesi, Francesi con Spagnoli, Spagnoli con Svedesi, Svedesi con Svedesi, Svedesi con Tedeschi....

Mai con Russi, Polacchi, Slavi, Arabi...ma ci sarà un cazzo di motivo, o no?

Ammiriamo pure putin; ammiriamo pure saddam Hussein; ammiriamo pure Ahmadinejad...ammiriamoli....ma per piacere...tra l'ammirarli ed auspicare un "liberazione" da parte loro, oltre che essere utopico (per fortuna) è anche molto, ma molto ingenuo.

ricordiamoci dell'ultima volta che siamo stati "liberati", per piacere!

Capito il tuo discorso e condivido le tue tesi......
Purtuttavia io considero il nemico del mio nemico mio alleato!!!!
Se noi aspettiamo il risveglio del europa confidando unicamente sugli europei,possiamo aspettare la fine del mondo perchè le cose non cambieranno.....ciò che stanno mettendo in moto l'Iran e la Russia fà ben sperare per il futuro!!! Io no desidero la "liberazione" da nessun popolo straniero ma la rivoluzione deve necessariamente partire da qualche paese....come in passato il fascismo e il nazionalsocialismo diedero vita a una reazione a catena rivoluzionaria oggi altri paesi si attivati in questo senso!!!!!!
Torna in alto Andare in basso
Visualizza il profilo http://www.blogdrops.com/decimalegionelecce/
Contenuto sponsorizzato




MessaggioTitolo: Re: ANCORA PUTIN...   

Torna in alto Andare in basso
 
ANCORA PUTIN...
Torna in alto 
Pagina 1 di 1
 Argomenti simili
-
» I piani di Putin per l'Europa

Permessi di questa sezione del forum:Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum
Massimo Morsello :: Politica e Società :: Attualità politiche-
Vai verso: