Questo è un Forum politicamente schierato nelle Radici Cristiane e nella Destra Radicale Italiana.
 
IndiceIndice  PortalePortale  CalendarioCalendario  GalleriaGalleria  FAQFAQ  CercaCerca  RegistratiRegistrati  Lista UtentiLista Utenti  GruppiGruppi  Accedi  

Condividi | 
 

 ''Signori, è tempo che io vi riveli la mafia''

Andare in basso 
AutoreMessaggio
Volontario
Figli del Forum
Figli del Forum
avatar

Numero di messaggi : 25
Localizzazione : Abruzzi
Umore : tremendo
Data d'iscrizione : 06.11.07

MessaggioTitolo: ''Signori, è tempo che io vi riveli la mafia''   Gio Nov 08, 2007 10:04 pm

Intervento del Duce pubblcato sull'ultimo numero di ‘Gnosis’

Il Fascismo contro ‘Cosa nostra’

Mussolini durante il regime inviò il prefetto Mori nel Meridione per debellare con ogni mezzo la piaga della criminalità organizzata. E in un discorso del ’27 elogiò un magistrato, che ''pur stando al Sud, ha il coraggio di condannare i malviventi''

Roma, 8 nov. - (Ign) -

''Signori, è tempo che io vi riveli la mafia''. Con questa frase, pronunciata il 26 maggio 1927 a Montecitorio, Benito Mussolini fornì un primo bilancio della ‘guerra’ che il fascismo condusse contro la mafia. In un’aula gremita più che mai, il Duce snocciolò le cifre di un anno di lotta a ‘Cosa Nostra’ (aggiungendo che sebbene i ''numeri non governano i popoli, sono però un elemento necessario per chiunque voglia governare seriamente una nazione''). Dagli arresti nei comuni vicino a Palermo, Bolognetta e Marineo, dove ''sin dal 1920 si era costituita una associazione a delinquere, composta da circa 160 malfattori'', al circondario di Termini Imerese, dove vennero arrestati ''278 delinquenti associati che devono rispondere di 50 omicidi''. Fra le forze dell’ordine si contarono invece ''11 morti e 350 feriti''.

Un anno prima, visitando un paese in provincia di Palermo, Mussolini aveva capito che a gestire l’ordine nel Meridione non erano i carabinieri ma l’influenza dei capimafia. E così decise di passare alle maniere forti. E inviò in Sicilia il prefetto Cesare Mori, dandogli pieni poteri.

''Innazitutto voglio spogliare questa associazione brigantesca da tutta quella specie di fascino di poesia che non merita minimamente'' afferma il Duce nel suo discorso, pubblicato ora nell’ultimo numero della rivista trimestrale ‘Gnosis’. Per molti aspetti sono parole che potrebbero essere pronunciate anche oggi. ''Non si parli di nobiltà e di cavalleria della mafia se non si vuole insultare tutta la Sicilia''.

Facendo il punto a distanza di 12 mesi, Mussolini elogia il lavoro svolto dal prefetto Mori (che oggi nella migliore delle ipotesi verrebbe processato dal Tribunale dell’Aja per i metodi utilizzati…). Ma soprattutto, il Duce difende il magistrato Giampietro, perché ''nonostante stia in Sicilia, ha il coraggio di condannare i malviventi'' (frase tristemente ancora molto attuale…).

Molti anni dopo è Leonardo Sciascia a riconoscere l’''indubbia capacità'' del prefetto Mori, che potendo contare ''su di un’autorità praticamente illimitata, attaccò la mafia ad ogni livello: dagli esecutori ai capi''. Certo, ''i metodi'' che utilizzò ''repugnano alla coscienza civile'' aggiunge Sciascia, ma ''considerando che anche oggi, con l’istituzione della commissione parlamentare antimafia, le sole azioni che vengono compiute contro la mafia sono di tipo repressivo e non rispondenti ai principi della Costituzione repubblicana, e per di più si svolgono soltanto a livello degli esecutori, bisogna riconoscere che l’operazione di Mori fu quanto meno più radicale né si arrestò di fronte ai mafiosi di rango sociale elevato''.

A salvare ‘Cosa Nostra’ dalla furia del fascismo ci pensò la Storia (e, involontariamente o meno, gli Alleati). Per sopravvivere infatti, la mafia ha sempre saputo adattarsi a tutto. E i propositi radicali di Mussolini resteranno soltanto un’utopia: ''Quando finirà la lotta alla mafia? Quando non ci saranno più mafiosi e quando il ricordo della mafia sarà scomparso definitivamente dalla memoria dei siciliani''.
Torna in alto Andare in basso
Visualizza il profilo http://www.iltraffico.org
FORZANOVISTA
Duce
Duce
avatar

Numero di messaggi : 528
Localizzazione : Salento
Umore : NERO
Data d'iscrizione : 04.11.07

MessaggioTitolo: Re: ''Signori, è tempo che io vi riveli la mafia''   Gio Nov 08, 2007 10:09 pm

Mussolini fece un' ottima mossa... Mori è stato molto bravo per quanto lo potesse essere un anti-fascista... :D

_________________
Scendiamo in campo contro le Democrazie Plutocratiche e Reazionarie dell' Occidente.
Torna in alto Andare in basso
Visualizza il profilo http://www.forzanuovalecce.org
wolfsangel
Figli del Forum
Figli del Forum
avatar

Numero di messaggi : 249
Localizzazione : Europa
Umore : Sempre agguerrito.
Data d'iscrizione : 08.11.07

MessaggioTitolo: Re: ''Signori, è tempo che io vi riveli la mafia''   Ven Nov 09, 2007 12:27 am

Infatti il Prefetto Mori non era Fascista, ma un professionista eccellente che eccellentemente svolse il compito affidatogli da S.E. il DUCE.
Torna in alto Andare in basso
Visualizza il profilo
FORZANOVISTA
Duce
Duce
avatar

Numero di messaggi : 528
Localizzazione : Salento
Umore : NERO
Data d'iscrizione : 04.11.07

MessaggioTitolo: Re: ''Signori, è tempo che io vi riveli la mafia''   Ven Nov 09, 2007 12:28 am

Si... Non era Fascista ed aveva avuto anche dei problemi per questo...

_________________
Scendiamo in campo contro le Democrazie Plutocratiche e Reazionarie dell' Occidente.
Torna in alto Andare in basso
Visualizza il profilo http://www.forzanuovalecce.org
Contenuto sponsorizzato




MessaggioTitolo: Re: ''Signori, è tempo che io vi riveli la mafia''   

Torna in alto Andare in basso
 
''Signori, è tempo che io vi riveli la mafia''
Torna in alto 
Pagina 1 di 1
 Argomenti simili
-
» TEMPO TRA INIZIO TERAPIA E GIORNO DEL PICK UP
» In quanto tempo le beta si azzerano?
» Dopo la cura di antibiotico, quanto tempo si deve aspettare per ripetere spermiogramma e spermiocultura?
» IL TAMPONE QUANTO TEMPO PRIMA DELL'OVODONAZIONE?
» esami per ICSI quanto tempo sono validi?

Permessi di questa sezione del forum:Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum
Massimo Morsello :: Storia e Controstoria :: Religione e Politica-
Vai verso: