Questo è un Forum politicamente schierato nelle Radici Cristiane e nella Destra Radicale Italiana.
 
IndiceIndice  PortalePortale  CalendarioCalendario  GalleriaGalleria  FAQFAQ  CercaCerca  RegistratiRegistrati  Lista UtentiLista Utenti  GruppiGruppi  Accedi  

Condividi | 
 

 Sgominata la gang dei romeni che obbligava a rubare

Andare in basso 
AutoreMessaggio
FORZANOVISTA
Duce
Duce
avatar

Numero di messaggi : 528
Localizzazione : Salento
Umore : NERO
Data d'iscrizione : 04.11.07

MessaggioTitolo: Sgominata la gang dei romeni che obbligava a rubare   Mer Dic 12, 2007 9:24 pm

Non erano soli, i bimbi che si aggiravano tra piazza Duca d´Aosta e piazza Luigi di Savoia, che infilavano le mani tra borsette e trolley di viaggiatori distratti in transito per la stazione Centrale. C´erano i «pusher», ex colleghi di qualche anno più grandi, ex borseggiatori promossi a caporali sul campo, a coordinarli, sorvegliarli, proteggerli. C´era lo «Stabor», il consiglio dei capi famiglia dei rom Costorari di Craiova, ex artigiani del rame tramutatisi in schiavisti, a decidere chi mandare in Italia, chi premiare e chi punire nella scala sociale del borseggio. Un´organizzazione con un vertice e un codice, l´esercito dei bimbi ladri che riversava a casa un fiume di denaro, 800 euro al giorno in media a testa, soldi spediti in maggior parte in Romania. Organizzazione smantellata ieri all´alba, tra la cascina Bareggiate di Pioltello e Santa Cristina e Bissone, tra Vigevano e Craiova, dagli investigatori della quarta sezione della Squadra Mobile, coordinati dal vicequestore aggiunto Alessandra Simone, che all´alba di ieri ha eseguito 19 delle 25 richieste di custodia cautelare firmate dal gip Andrea Ghinetti su richiesta del pm Isidoro Palma.
Un´indagine lunga cinque mesi, partita dalle numerose denunce di furto e borseggio che arrivavano quotidianamente sui tavoli della Polfer. Gli investigatori hanno osservato i movimenti dei bimbi, tutti di età tra gli 8 e i 13 anni, tutti con almeno un punto di riferimento «sul campo», un ragazzo più grande a cui consegnavano soldi, portafogli, cellulari, macchine fotografiche. Scartata l´ipotesi iniziale dello sfruttamento della prostituzione dei bimbi, i detective della Mobile si sono concentrati sui movimenti dei pusher. Tracce che portavano a due appartamenti nel Pavese, ma soprattutto alla Cascina Baraggiate, grande costruzione abbandonata dove da anni ha fatto base una comunità di rom Costorari provenienti dalla regione di Dolj. Da qui i bimbi partivano la mattina e tornavano solo coi soldi, pena una notte all´addiaccio in stazione. Qui si giocavano ai dadi i pochi euro che non andavano in rimesse per la Romania al termine di una giornata di «lavoro», e per avere qualcosa in tasca chiedevano altro denaro ai loro sfruttatori, da restituire a tassi usurari.
Mesi di intercettazioni, e la collaborazione di tre agenti della polizia di Craiova per decifrare i dialoghi in dialetto zingaresco, hanno portato a delineare ruoli, traffico, basi. I piccoli schiavi venivano portati in furgone da Craiova a Pioltello da Aurel «Sica» Ciuciu, titolare di una fittizia ditta di trasporti. Istruiti in Romania da Luminita Adir e Marin Musi, passavano in Italia sotto le cure di altri sette aguzzini, secondo le decisioni dello Stabor. Tenuti «al guinzaglio», minacciati e schiaffeggiati, ma anche promossi al rango di pusher. E quando i soldi scarseggiavano, come a fine agosto scorso, lo Stabor li mandava nei luoghi di villeggiatura: Venezia e Bologna, Marche e Abruzzo, Nizza e Parigi. A borseggiare i vacanzieri. (12 dicembre 2007)

_________________
Scendiamo in campo contro le Democrazie Plutocratiche e Reazionarie dell' Occidente.
Torna in alto Andare in basso
Visualizza il profilo http://www.forzanuovalecce.org
 
Sgominata la gang dei romeni che obbligava a rubare
Torna in alto 
Pagina 1 di 1
 Argomenti simili
-
» Non hanno mai smesso di rubare, hanno solo smesso di vergognarsi!

Permessi di questa sezione del forum:Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum
Massimo Morsello :: Politica e Società :: Attualità politiche-
Vai verso: