Questo è un Forum politicamente schierato nelle Radici Cristiane e nella Destra Radicale Italiana.
 
IndiceIndice  PortalePortale  CalendarioCalendario  GalleriaGalleria  FAQFAQ  CercaCerca  RegistratiRegistrati  Lista UtentiLista Utenti  GruppiGruppi  Accedi  

Condividi | 
 

 IL TESTAMENTO DEL DUCE

Andare in basso 
AutoreMessaggio
FORZANOVISTA
Duce
Duce
avatar

Numero di messaggi : 528
Localizzazione : Salento
Umore : NERO
Data d'iscrizione : 04.11.07

MessaggioTitolo: IL TESTAMENTO DEL DUCE   Mar Nov 06, 2007 12:23 am

Il Testamento di Mussolini
"Nessuno che sia un vero Italiano, qualunque sia la sua fede politica, disperi nell'avvenire. Le risorse del nostro popolo sono immense. Se saprà trovare un punto di saldatura, recupererà la sua forza prima ancora di qualche vincitore. Per questo punto di fusione io darei la vita anche ora, spontaneamente, qualunque sia purché improntata a vero spirito italiano. Dopo la sconfitta io sarò coperto furiosamente di sputi, ma poi verranno a mondarmi con venerazione. Allora sorriderò, perché il mio popolo sarà in pace con se stesso. Il lavoratore che assolve il dovere sociale senz'altra speranza che un pezzo di pane e la salute della propria famiglia, ripete ogni giorno un atto di eroismo. La gente che lavora è infinitamente superiore a tutti i falsi profeti che pretendono di rappresentarla. I quali profeti hanno buon gioco per l'insensibilità di chi avrebbe il sacrosanto dovere di provvedere.
Per questo sono stato e sono socialista!
L'accusa di incoerenza non ha fondamento. La mia condotta è sempre stata rettilinea nel senso di guardare alla sostanza delle cose e non alla forma. Mi sono adattato socialisticamente alla realtà. Man mano che l'evoluzione della società smentiva molte delle profezie di Marx, il vero socialismo ripiegava dal possibile al probabile. L'unico socialismo attuabile socialisticamente è il corporativismo, punto di confluenza, di equilibrio e di giustizia degli interessi rispetto all'interesse collettivo. La politica è un'arte difficilissima tra le difficili perché lavora la materia inafferrabile, più oscillante, più incerta. La politica lavora sullo spirito degli uomini, che è un'entità assai difficile a definirsi, perché è mutevole.
Mutevolissimo è lo spirito degli italiani. Quando io non sarò più, sono sicuro che gli storici e gli psicologi si chiederanno come un uomo abbia potuto trascinarsi dietro per vent'anni un popolo come l'italiano. Se non avessi fatto altro basterebbe questo capolavoro per non essere seppellito nell'oblio. Altri forse potrà dominare col ferro e col fuoco, non col consenso come ho fatto io. La mia dittatura è stata assai più lieve che non certe democrazie in cui imperano le plutocrazie. Il Fascismo ha avuto più morti dei suoi avversari e il 25 Luglio al confino non c'erano più di trenta persone. Quando si scrive che noi siamo la guardia bianca della borghesia, si afferma la più spudorata delle menzogne. Io ho difeso, e lo affermo con piena coscienza, il progresso dei lavoratori. Tra le cause principali del tracollo del Fascismo io pongo la lotta sorda ed implacabile di taluni gruppi industriali e finanziari, che nel loro folle egoismo temevano ed odiano il fascismo come il peggior nemico dei loro inumani interessi. Devo dire, per ragioni di giustizia che, il capitale italiano, quello legittimo, che si regge con la capacità delle sue imprese, ha sempre compreso le esigenze sociali, anche quando doveva allungare il collo per far fronte ai nuovi patti di lavoro.
L'umile gente del lavoro mi ha sempre amato e mi ama ancora. Tutti i dittatori hanno fatto strage dei loro nemici. Io sono il solo passivo; tremila morti contro qualche centinaio. Credo di aver nobilitato la dittatura. Forse l'ho svirilizzata, ma le ho strappato gli strumenti di tortura.
Stalin è seduto sopra una montagna di ossa umane. E' male? Io non mi pento di aver fatto tutto il bene che ho potuto anche agli avversari, anche ai nemici, che complottavano contro la mia vita, sia con l'inviare loro dei sussidi che per la frequenza diventavano degli stipendi, sia strappandoli alla morte.
Ma se domani togliessero la vita ai miei uomini, quale responsabilità avrei assunto salvandoli? Stalin è in piedi e vince, io cado e perdo. La storia si occupa solamente dei vincitori e del volume delle loro conquiste ed il trionfo giustifica tutto. La rivoluzionefrancese è considerata per i suoi risultati, mentre i ghigliottinati sono confinati nella cronaca nera.
Vent'anni di Fascismo nessuno potrà cancellarli dalla storia d'Italia. Non ho nessuna illusione sul mio destino. Non mi processeranno, perché sanno che da accusato diverrei pubblico accusatore. Probabilmente mi uccideranno e poi diranno che mi sono suicidato, vinto dai rimorsi. Chi teme la morte non è mai vissuto, ed io sono vissuto anche troppo. La vita non è che un tratto di congiunzione tra due eternità: il passato ed il futuro.
Finché la mia stella brillò, io bastavo per tutti; ora che si spegne, tutti non basterebbero per me. Io andrò dove il destino mi vorrà, perché ho fatto quello che il destino mi dettò.
I fascisti che rimarranno fedeli ai principi, dovranno essere dei cittadini esemplari. Essi dovranno rispettare le leggi che il popolo vorrà darsi e cooperare lealmente con le autorità legittimamente costituite per aiutarle a rimarginare, nel più breve tempo possibile, le ferite della Patria.
Chi agisce diversamente dimostrerebbe di ritenere la Patria non più Patria quando si è chiamati a servirla dal basso. I fascisti, insomma, dovranno agire per sentimento, non per risentimento. Dal loro contegno dipenderà una più sollecita revisione storica del Fascismo,
perché adesso è notte, ma poi verrà il giorno " .


- Benito Mussolini-

_________________
Scendiamo in campo contro le Democrazie Plutocratiche e Reazionarie dell' Occidente.
Torna in alto Andare in basso
Visualizza il profilo http://www.forzanuovalecce.org
FORZANOVISTA
Duce
Duce
avatar

Numero di messaggi : 528
Localizzazione : Salento
Umore : NERO
Data d'iscrizione : 04.11.07

MessaggioTitolo: Re: IL TESTAMENTO DEL DUCE   Mar Nov 06, 2007 12:24 am

Leggete... Il testamento di Mussolini è veramente sincero e profondo... Sad

_________________
Scendiamo in campo contro le Democrazie Plutocratiche e Reazionarie dell' Occidente.
Torna in alto Andare in basso
Visualizza il profilo http://www.forzanuovalecce.org
Volontario
Figli del Forum
Figli del Forum
avatar

Numero di messaggi : 25
Localizzazione : Abruzzi
Umore : tremendo
Data d'iscrizione : 06.11.07

MessaggioTitolo: Re: IL TESTAMENTO DEL DUCE   Mar Nov 06, 2007 10:07 pm

Interessante.
Torna in alto Andare in basso
Visualizza il profilo http://www.iltraffico.org
FORZANOVISTA
Duce
Duce
avatar

Numero di messaggi : 528
Localizzazione : Salento
Umore : NERO
Data d'iscrizione : 04.11.07

MessaggioTitolo: Re: IL TESTAMENTO DEL DUCE   Mar Nov 06, 2007 10:23 pm

Volontario, non l' avevi mai letto?

_________________
Scendiamo in campo contro le Democrazie Plutocratiche e Reazionarie dell' Occidente.
Torna in alto Andare in basso
Visualizza il profilo http://www.forzanuovalecce.org
Volontario
Figli del Forum
Figli del Forum
avatar

Numero di messaggi : 25
Localizzazione : Abruzzi
Umore : tremendo
Data d'iscrizione : 06.11.07

MessaggioTitolo: Re: IL TESTAMENTO DEL DUCE   Mar Nov 06, 2007 10:25 pm

Ma certo! Wink

Solo che è sempre interessante.
Torna in alto Andare in basso
Visualizza il profilo http://www.iltraffico.org
FORZANOVISTA
Duce
Duce
avatar

Numero di messaggi : 528
Localizzazione : Salento
Umore : NERO
Data d'iscrizione : 04.11.07

MessaggioTitolo: Re: IL TESTAMENTO DEL DUCE   Mar Nov 06, 2007 10:26 pm

Si infatti, io lo reputo stupendo...

_________________
Scendiamo in campo contro le Democrazie Plutocratiche e Reazionarie dell' Occidente.
Torna in alto Andare in basso
Visualizza il profilo http://www.forzanuovalecce.org
wolfsangel
Figli del Forum
Figli del Forum
avatar

Numero di messaggi : 249
Localizzazione : Europa
Umore : Sempre agguerrito.
Data d'iscrizione : 08.11.07

MessaggioTitolo: Re: IL TESTAMENTO DEL DUCE   Dom Nov 11, 2007 11:44 am

HANNO DETTO DEL DUCE
Pio XI: "Costui è l'uomo della Provvidenza" (giudizio condiviso da Angelo Roncalli, il futuro Giovanni XXIII, il "papa buono")

Pio XII: "il più grande uomo da me conosciuto,e senz'altro tra i più profondamente buoni"

M. K. Gandhi: " un superuomo"

Thomas Mann: "un semidio"

Sigmund Freud: "un eroe della Civiltà"

Winston Churchill: "il più grande legislatore vivente"

Thomas Alva Edison: "il più grande genio dell'età moderna"

Massimo Gorky: "un uomo di intelligenza superiore"

Lloyd George: "Un Uomo che desta ammirazione anche tra i suoi nemici,e che ogni giorno detta leggi circa il modo di governare i popoli in momenti difficilissimi"
Stanley Baldwin: "non vi sono in Europa uomini di eccezione come Mussolini"

Samuel John Gurney Hoare: "Mussolini e' il massimo statista dell'Europa moderna"

Josif Vissarionovic Dzugasvili (Stalin): "con la morte di Mussolini scompare uno dei più grandi uomini politici cui si deve rimproverare solamente di non aver messo al muro i suoi avversari"
Igòr Stravinskij: "Mussolini e' un uomo formidabile. Non credo che qualcuno abbia per Mussolini una venerazione maggiore della mia. Per me Egli e' l'unico Uomo che conti nel mondo intero"

George Bernard Shaw: "Mussolini non e' soltanto un uomo, ma una situazione storica"

Ezra Pound: "Jefferson fu un genio, e Mussolini un altro genio"

Herbert George Wells: "Mussolini ha lasciato il suo segno nella storia"

Adolf Hitler: "Un uomo che fa la storia, non la subisce. Mussolini è l'ultimo dei cesari"

Rudyard Kipling: "Vogliategli bene sempre, con un affetto costante; pensate che per l'Italia Egli e' tutto"

Roald Engelbreth Amundsen: "Soltanto Napoleone può paragonarsi a lui"

Alexis Carrel: "Cesare, Napoleone, Mussolini: tutti i grandi conduttori di popoli crescono oltre la statura umana"

Guglielmo Marconi: "Rivendico l'onore di essere stato in radiotelegrafia il primo fascista, il primo a riconoscere l'utilità' di riunire in fascio i raggi elettrici, come Mussolini ha riconosciuto per primo in campo politico la necessità di riunire in fascio le energie sane del Paese per la maggiore grandezza d'Italia"

Luigi Pirandello: "Mussolini recita, da protagonista, nel teatro dei secoli"
Torna in alto Andare in basso
Visualizza il profilo
FORZANOVISTA
Duce
Duce
avatar

Numero di messaggi : 528
Localizzazione : Salento
Umore : NERO
Data d'iscrizione : 04.11.07

MessaggioTitolo: Re: IL TESTAMENTO DEL DUCE   Dom Nov 11, 2007 4:21 pm

wolfsangel ha scritto:
HANNO DETTO DEL DUCE
Pio XI: "Costui è l'uomo della Provvidenza" (giudizio condiviso da Angelo Roncalli, il futuro Giovanni XXIII, il "papa buono")

Pio XII: "il più grande uomo da me conosciuto,e senz'altro tra i più profondamente buoni"

M. K. Gandhi: " un superuomo"

Thomas Mann: "un semidio"

Sigmund Freud: "un eroe della Civiltà"

Winston Churchill: "il più grande legislatore vivente"

Thomas Alva Edison: "il più grande genio dell'età moderna"

Massimo Gorky: "un uomo di intelligenza superiore"

Lloyd George: "Un Uomo che desta ammirazione anche tra i suoi nemici,e che ogni giorno detta leggi circa il modo di governare i popoli in momenti difficilissimi"
Stanley Baldwin: "non vi sono in Europa uomini di eccezione come Mussolini"

Samuel John Gurney Hoare: "Mussolini e' il massimo statista dell'Europa moderna"

Josif Vissarionovic Dzugasvili (Stalin): "con la morte di Mussolini scompare uno dei più grandi uomini politici cui si deve rimproverare solamente di non aver messo al muro i suoi avversari"
Igòr Stravinskij: "Mussolini e' un uomo formidabile. Non credo che qualcuno abbia per Mussolini una venerazione maggiore della mia. Per me Egli e' l'unico Uomo che conti nel mondo intero"

George Bernard Shaw: "Mussolini non e' soltanto un uomo, ma una situazione storica"

Ezra Pound: "Jefferson fu un genio, e Mussolini un altro genio"

Herbert George Wells: "Mussolini ha lasciato il suo segno nella storia"

Adolf Hitler: "Un uomo che fa la storia, non la subisce. Mussolini è l'ultimo dei cesari"

Rudyard Kipling: "Vogliategli bene sempre, con un affetto costante; pensate che per l'Italia Egli e' tutto"

Roald Engelbreth Amundsen: "Soltanto Napoleone può paragonarsi a lui"

Alexis Carrel: "Cesare, Napoleone, Mussolini: tutti i grandi conduttori di popoli crescono oltre la statura umana"

Guglielmo Marconi: "Rivendico l'onore di essere stato in radiotelegrafia il primo fascista, il primo a riconoscere l'utilità' di riunire in fascio i raggi elettrici, come Mussolini ha riconosciuto per primo in campo politico la necessità di riunire in fascio le energie sane del Paese per la maggiore grandezza d'Italia"

Luigi Pirandello: "Mussolini recita, da protagonista, nel teatro dei secoli"
Queste sono frasi bellissime... Sad Crying or Very sad Sad
Cert, tutta l' Italia dovrebbe leggerle... Exclamation

_________________
Scendiamo in campo contro le Democrazie Plutocratiche e Reazionarie dell' Occidente.
Torna in alto Andare in basso
Visualizza il profilo http://www.forzanuovalecce.org
Massimino.forever
Simpatizzante
Simpatizzante


Numero di messaggi : 4
Data d'iscrizione : 12.08.08

MessaggioTitolo: Re: IL TESTAMENTO DEL DUCE   Gio Ago 14, 2008 1:30 pm

Il duce è stato il miglior statista di sempre, una persona eccezzionale: non so quanti di voi lo sappiano: non ha mai preso lo stipendio che gli spettava da 1° ministro, e ha vissuto sempre solo grazie ai guadagni dell'agricoltura che praticavano lui quando aveva tempo e la moglie.
A predappio, in visita a villa carpena qualche giorno fa, mi è stato raccontato un episodio di per se piccolo ma molto significativo: una volta donna rachele disse al duce: "tu che vivi in quel palazzo, dove c'è di tutto, in abbondanza, non potresti portare ai nostri figli, delle matite, dei quaderni...."
E il duce rispose " quella è roba dello stato, non si tocca. Tu metti daparte i tuoi risparmi, e con quelli compra cio che serve".
Torna in alto Andare in basso
Visualizza il profilo
FORZANOVISTA
Duce
Duce
avatar

Numero di messaggi : 528
Localizzazione : Salento
Umore : NERO
Data d'iscrizione : 04.11.07

MessaggioTitolo: Re: IL TESTAMENTO DEL DUCE   Gio Ago 14, 2008 2:53 pm

Se tutti i politici di oggi ragionassero così... Il debito publico si azzererebbe...

_________________
Scendiamo in campo contro le Democrazie Plutocratiche e Reazionarie dell' Occidente.
Torna in alto Andare in basso
Visualizza il profilo http://www.forzanuovalecce.org
Contenuto sponsorizzato




MessaggioTitolo: Re: IL TESTAMENTO DEL DUCE   

Torna in alto Andare in basso
 
IL TESTAMENTO DEL DUCE
Torna in alto 
Pagina 1 di 1
 Argomenti simili
-
» Voi e il Testamento biologico
» Prossime elezioni in Cialtronia

Permessi di questa sezione del forum:Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum
Massimo Morsello :: Storia e Controstoria :: Il "Vero e Falso" dei libri di storia!-
Vai verso: